Um Aprazível Suicídio em Grupo by Arto Paasilinna Online

 Um Aprazível Suicídio em Grupo
Title : Um Aprazível Suicídio em Grupo
Author :
Rating :
ISBN : 9789896411350
Language : English
Format Type : None
Number of Pages : 204

É precisamente no S. João, festa de luz e alegria realizada em pleno Verão, que um pequeno empresário em crise, Onni Rellonen, decide acabar com a vida. Mas quando, de pistola no bolso, se aproxima de um celeiro isolado, local ideal para uma morte tranquila, depara com uma estranha cena. E, no último momento, consegue salvar um outro candidato ao suicídio já com um nó corrÉ precisamente no S. João, festa de luz e alegria realizada em pleno Verão, que um pequeno empresário em crise, Onni Rellonen, decide acabar com a vida. Mas quando, de pistola no bolso, se aproxima de um celeiro isolado, local ideal para uma morte tranquila, depara com uma estranha cena. E, no último momento, consegue salvar um outro candidato ao suicídio já com um nó corrediço apertando em volta do pescoço. É o coronel Kemppainen, um inconsolável viúvo que escolhera igualmente aquele luminoso solstício para pôr fim à vida.Influenciados por este acaso renunciam à sua intenção comum e conversam sobre as razões que os levaram a tomar tão sombria decisão. Já em casa de Onni preparam uma sauna, bebem, pescam e tratam-se por tu.Depressa chegam à conclusão que na Finlândia existe um grande número de candidatos ao suicídio. E daí até à ideia de fundarem uma associação de «candidatos ao suicídio» vai um passo. Colocam um anúncio:ESTÁ A PENSAR SUICIDAR-SE?Não entre em pânico, não está sozinho.Também nós temos pensamentos semelhantes,e até alguma experiência. (…)Respostas à Posta Restante dosCorreios Centrais de Helsínquia,para: «Tentar em conjunto.»E um dia, acompanhados de três dezenas de companheiros, partem num confortável autocarro para uma aprazível viagem de suicídio colectivo. Atravessam a Europa em busca do melhor precipício para se lançarem no vazio. Entre os candidatos, encontram-se alguns com bastante humor, outros mais sombrios, mas todos eles participando nas ferozes reflexões de Paasilinna sobre o suicídio enquanto desporto finlandês.Acabam por encontrar o local ideal em Portugal, uma falésia junto à Fortaleza de Sagres.Aprazível Suicídio em Grupo é uma narrativa irónica e macabra, que provoca riso e compaixão. É também uma fábula terna e ácida sobre vidas sombrias.


Um Aprazível Suicídio em Grupo Reviews

  • João Carlos

    Fotograma do filme Hurmaava joukkoitsemurha realizado por Ere Kokkonen com base no livro de Arto PaasalinniAVISO: Contém alguns spoilers”O maior inimigo dos finlandeses é a tristeza, a melancolia, uma apatia insondável. Ao longo de milhares de anos um pesar tem pairado sobre este povo infeliz, submetendo-o ao seu jugo e tornando assim a sua alma taciturna e sisuda. Tão arreigado é o pessimismo, que muitos finlandeses vêem na morte a única salvação para as suas angústias. A melancolia [...]

  • Matteo Fumagalli

    Videorecensione:youtube/watch?v=csuY0Inizia con il botto, in toni folgoranti. Poi diventa coinvolgente.Dalla seconda metà, inizia a perdere smalto. Diventa tirato per le lunghe e inconcludente, fino ad un finale prevedibile (ma con occasionali punte di gradita ironia).Un romanzo riuscito solo a metà, ma che mi convince ad approfondire un autore che sembra comunque essere nelle mie corde.

  • Ana Carvalheira

    Para que possa fazer uma análise justa e meritória deste livro e do seu autor, só me ocorre dizer: hilariamente brilhante!!Iniciei a abordagem à obra de Arto Paasiinna através do não menos notável "As Dez Mulheres do Industrial Rauno Rämekorpi" que me deu uma perspetiva extraordinariamente engraçada sobre a cultura e sociedade finlandesas mas devo confessar que "Um Aprazível Suicídio em Grupo" ultrapassou todas as legítimas expectativas que criei à volta do autor nórdico. Ao abeira [...]

  • arcobaleno

    Dopo la faticosa "Signora Dalloway" e gli scontati "Anni che contano" pensavo di trovare almeno un po' di leggerezza con questi "Piccoli suicidi "(beh il titolo, di per sé, non deponeva bene, ma le recensioni lette e i pareri ascoltati me lo consigliavano). Invece, un altro fiasco: non ho saputo apprezzarne l'ironia, non ci ho trovato interesse; l'ho trascinato per più della metà delle pagine e quasi un mese di lettura, sperando sempre in qualche cambiamento (del romanzo, o forse mio); ma, al [...]

  • Francesca

    3.5-4/5Ironico, scorrevole e anche sorprendente.Questo libro che senza mediazioni politically correct parla del suicidio, è in realtà un inno alla vita - quella vera, che resiste nonostante tutto, ha voglia solo di trovare la propria strada al di fuori dai conformismi.Ed è anche un invito all'amicizia, alla condivisione, ma non quella superficiale, quella che riesce davvero ad arricchire, a dare una nuova prospettiva.Perché, forse, abbiamo tutti bisogno soltanto di non essere dimenticati.

  • charta

    Per quanto europei, gli scandinavi rispetto alla mediterraneità costuiscono un "altro da sé". La meteorologia ha profondamente influito su queste popolazioni, disabituate a relazionarsi secondo standard per noi usuali - in svedese, infatti, il termine ospite è intraducibile, lo si rende con la parola estraneo.Se ciò da un lato porta alla introspezione ed alla logorrea scritta - non orale, poichè sono estremamente riservati e muti più di un pesce - dall'altro, è fatto noto, induce al suici [...]

  • Marianne Søiland

    Humreverdig bok over seriøst tema, noe som Paasilinna takler på strak arm. Aldri hysterisk morsomt, men Paasilinna viser stor menneskekunnskap og håndterer temaet selvmord på en genial, og definitivt annerledes måte.

  • Cristina

    Lettura per il GdL Narrativa Novembre 2017 di Italia. Leggendo questa storia ho attraversato alti e bassi di attenzione. L'inizio l'ho trovato blandamente piacevole, andando avanti si attraversano momenti di stuzzicanti banalità, molto probabilmente per colpa della mia bassa predisposizione allo humour finlandese. Le ultime pagine invece mi sono piaciute di più e quindi invece delle due stelline che pensavo di dare al libro alla fine gliene do tre.

  • piperitapitta

    Il mio è un giudizio sospeso, a metà tra le due e le tre stelline.Avevo già letto da qualche parte che la Finlandia, della quale conosciamo ben poco, aveva il triste primato europeo in fatto di suicidi e il ritrovarlo protagonista nella trama di questo romanzo non ha fatto altro che confermarmi il fatto che si tratti realmente di una vera e propria emergenza nazionale.Quale può essere la correlazione tra il luogo, la Finlandia appunto, e la scelta di togliersi la vita senza distinzione di et [...]

  • Lysiane

    Definitely one of my favourite books, just brillant.The author have a gift to treat the worst subjects possible like madness, murder, cheating, loneliness and here suicidal tendencies with a sense of humor never seen before. But a humor that is for once not without respect for the subjects he treats and the people dealing with it, that's the force of Paasilinna for me. No matter how you feel, you can read him and find yourself smiling over tragic issues and realizing that after all even the thin [...]

  • Roberta

    Libera Associazione Morituri AnonimiPiccoli suicidi tra amici è un'epica moderna inscenata da un gruppo di aspiranti suicidi guidati da un paio di pionieri il cui personale tentativo è stato sventato proprio dal fatto di aver scelto lo stesso luogo per l'atto estremo.La ricerca della morte, affrontata con impagabile umorismo dall'autore Paasilinna, diventa il leit motiv del romanzo ma anche l'occasione per esaminare quella che è una paura di vivere. Paasilinna nel suo romanzo ricrea non solo [...]

  • Roberta

    Letto e riletto, è sempre uno dei miei Paasilinna preferiti. Arto prende il problema del suicidio, purtroppo diffuso in Finlandia, e lo ridimensiona con la solita delicatezza.Due aspiranti suicidi si incontrano dopo la festa di San Giovanni e passato il primo momento di sorpresa decidono di mettere in piedi una sorta di club, per preparare una morte collettiva pubblica e spettacolare. Però, mentre girano per la Finlandia e per l'Europa a raccogliere altri aspiranti morituri e cercare una meta [...]

  • Maria Beltrami

    In Finlandia avvengono 1500 suicidi ogni anno, su una popolazione di 5 milioni di abitanti, non è quindi così incredibile che due aspiranti suicidi si incontrino alla stessa ora e nello stesso fienile per portare a termine i loro tristi propositi.Il loro incontro li porterà a prendere coscienza della situazione, e a decidere di offrire un servizio completo per un suicidio collettivo.Ma dove commettere l'atto definitivo? e come?Così una comitiva di strampalati finlandesi con sogni di morte si [...]

  • Vasco Simões

    Várias pessoas que não se conhecem ficam ligadas por um objectivo comum: o suicido! Decidem pois juntarem-se para levarem a cabo essa missão mas pelo caminho encontram alguns obstáculosuma viagem final que os leva a Sagres, Portugal. E mais não digo. Autor muito interessante. Recomendo.

  • Pierre Menard

    Fino a non molti anni orsono la Finlandia era ai primi posti nel mondo per tasso di suicidi ed era il primo tra i paesi industrializzati a vantare questo inquietante primato. Oggi (secondo ) è stata superata dal Belgio oltre che da numerosi paesi dell’ex blocco sovietico, ma si mantiene comunque nella parte alta della classifica. Su questo inquietante dato statistico si gioca il divertentissimo e acuto romanzo di Arto Paasilinna. Lungi dal voler trovare una spiegazione razionale (nel corso de [...]

  • Elisabetta

    I did not exactly liked this book. It was really confused, not following a real plot but just giving space to worthless scenes in which one or more characters are involved, giving nothing to the whole narration. All the characters (many!) were just cited slightly, none of them can be pictured in the mind of the reader. The difficulty in reading the names both of the characters and the places the group travels along doesn't really help. Furthermore, sometimes the places are cited almost as a (poi [...]

  • Phleghm

    My introduction to the genius, that is Arto.Just by seeing the title, I knew this was going to be a fun ride. And boy, was I right.Offers unique insight into human mentality and relativity of it. And how changed circumstances equal different state of mind. Different, mind me, not necessarily better haha.A fun, witty read, full of laughing outloud moments. The humor is extremely dry too. Imagine, the funniest thing in the world, that is being presented in the form of a police report. I don't know [...]

  • Come Musica

    Alla fine tutto torna al suo posto e la tempesta si dissolve in una brezza leggera. La morte viene a prendersi il suo a tempo debito, il suicidio è "uno spreco di energie".

  • Israel Montoya Baquero

    Delirante y divertida novela en la que se nos narran las peripecias, a lo largo y ancho de Europa, de un grupo de finlandeses dispuestos a cometer un suicidio colectivo.Plena de personajes memorables, la novela, sin abandonar su tono guasón y ligero, se permite también ofrecer una panorámica, crítica y mordaz, de la sociedad finlandesa.

  • verbava

    якщо взяти тридцятьох (плюс-мінус) фіннів із самогубчими намірами й посадити їх в автобус, який вирушає на край світу, щоб із цього краю звалитися в акті масштабного масового суїциду, хтось із них, звісно, випадково таки загине, але остаточним результатом стане значно більш [...]

  • Alessandro

    Nei paesi nordici ed in una Finlandia dove i diritti civili ed umani, sono i più tutelati rispetto a qualsiasi altro paese del mondo, ecco che il tasso di suicidi è assai elevato. Com'è spiegabile che il principale nemico dei Finlandesi è la "malinconia", e che solo nella morte essi ne vedano l'unico sollievo? Paasilinna prova a spiegarci le cause che spingono numerosi suoi connazionali a questo estremismo. Ci racconta di Onni Rellonen, un imprenditore caduto in disgrazia deciso ad andarsene [...]

  • Franti

    Arto Paasilinna ha uno stile strano e accattivante, si prende gioco del lettore con disarmante serietà.Gli eventi più assurdi e lunari sono raccontati con la telegrafica dovizia di particolari di un trattato ottocentesco di zoologia. In "Piccoli suicidi tra amici", l'autore infrange il tabù tutto finlandese del suicidio con massicce dosi di autoironia anche quella tutta finlandese. Le peripezie della carovana di suicidandi, perno del racconto, sono il pretesto per partire dall'asettica consid [...]

  • Jennifer

    Ça, c'est le genre de livre que tu entames et que les premières pages te laissent croire que ça va VRAIMENT être irrévérencieux à souhait du début jusqu'à la fin Et puis, au milieu du récit, on perd un peu l'intérêt car la sauce s'étire et il y a des histoires dans l'histoire qui nous accrochent moins. Ceci étant dit, il s'agit selon moi d'une belle leçon d'amitié et de la force du groupe - voire l'intervention de groupe, déformation professionnelle oblige! - pour passer au trav [...]

  • Akvile

    Prieš pradėdama skaityti šią knygą, nieko nežinojau apie šį suomių rašytoją, o pačią knygą skaityti pasirinkau visiškai atsitiktinai. Ir nors tikėjausi visai kitokio turinio (maniau, kad knyga bus lengvas šmaikštus skaitalas, nes ką gi kitą galima rašyti apie grupinę savižudybę), knygos istorija mane labai maloniai nustebino ir labai stipriai įtraukė. Tikriausiai geriausias įspūdis, kokį gali padaryti knygą, kurią pradedi skaityti be didesnių išankstinių nuostat [...]

  • Piantina_grassa

    Mononota. Monocolore. Ora che l'ho finito mi vengono in mente solo parole del genere. Questo libro mi ha girato intorno a lungo: continuavo ad imbattermi nel titolo, in recensioni entusiaste. Alla fine, su consiglio di un'amica che l'ha definito "divertentissimo", l'ho preso. Beh, non l'ho trovato divertentissimo: la storia di per sé è bella, ha qualche guizzo, ma il ritmo ed i toni restano sempre uguali (forse per la quasi totale mancanza di dialoghi?). Delusione. Tre stelle, non di più.

  • Joke

    In dit boek laat Paasilinna mensen met allerlei verschillende achtergronden en persoonlijkheden samen hun laatste levensreis maken, nadat ze elkaar hebben gevonden in hun gemeenschappelijke zelfmoordwens.Ik ben grote fan van Paasilinna, maar in dit boek liet hij me eventjes in de steek. Hij had wat mij betreft nog absurder mogen schrijven, nog meer uit de bocht mogen gaan.Desondanks blijft dit een goed vermakelijk boek!

  • Mijazmija

    Tak tohle byla na závěr zimy třešnička na dortu. Spojení existenciálních témat s autorovým humorem byla pro mě biblioterapeutická kratochvíle.

  • Katia

    Non ci siamo. Non ci siamo proprio.Mancava poco alla fine del libro, ma non ci sono stati i presupposti per finirlo.Mi sono detta:" Ce la puoi fare, sta per finire!" Ma da quando leggere un libro deve essere un'agonia?Si, alla fine è diventata un'agonia questa lettura.All'inizio c'era tutto. La bravura dello scrittore, l'ironia nel trattare un argomento tale come il suicidio.Ma poi la "novità" passa e devi dare al lettore qualcosa per cui valga ancora la pena continuare a leggere. E così non [...]

  • Theut

    Mah sono rimasta perplessa fin dall'inizio. Ci sono decine di nomi di località (in Finlandia e in Europa) che mi hanno un po' "respinto". Per non parlare dei nomi dei membri della Morituri Anonimi.Il problema è la storia: le vicende degli scappati di casa depressi e problematici non mi hanno catturata :( un piccolo appunto: ma la Finlandia come Nordic non dovrebbe aver raggiunto la vera parità dei sessi? Perché le donne che si divertono sono considerate prostitute e, ogni volta che gli uomin [...]

  • Stefania

    Mi sono imposta di finirlo, annoiandomi "a morte", per riuscire a capire quale fosse lo scopo dell'autore. Le opzioni sono:1) portarmi al suicidio? (c'è quasi riuscito, non ce la facevo più a reggerlo);2) voleva farmi ridere? (non c'è riuscito);3) dimostrare l'esattezza del detto "mal comune mezzo gaudio"?4) dimostrare che mollare tutto e vivere in eterna vacanza è terapeutico?Alla fine ho capito che l'opzione esatta è la 2) Bene, mi capita sempre più spesso di pensare che io non abbia sen [...]